Le metodologie educative utilizzate per l’attuazione degli interventi sono:

* LAVORO PER PROGETTI:

Insieme di operatori o di unità operative, che agiscono per un tempo definito al fine di perseguire obiettivi precedentemente individuati e definiti (Bisogni), che possono riguardare anche ad un singolo utente;

* LAVORO DI RETE:

Nell’ambito delle politiche sociali possiamo definire il lavoro di rete come l’insieme di quelle attività finalizzate ad incrementare i legami fra i diversi nodi che sono interessati e coinvolti nell’accrescere il benessere di un individuo o di una collettività. È il sistema di relazioni che s’instaura fra persone e risorse in modo spontaneo o indotto.

Il lavoro di rete è quando un individuo viene inserito in un sistema reticolare (appartenenza a più gruppi).

STRATEGIE:

* PROBLEM SOLVING:

Programma diretto allo sviluppo delle risorse e abilità cognitivo-emotive strategiche. Fondamentale per chi deve applicare lucidamente il pensiero alla propria realtà personale e professionale e per chi deve imparare e sistematizzare la propria esperienza e conoscenza.

Il problem solving potrebbe essere definito come un approccio didattico teso a sviluppare, sul piano psicologico, comportamentale ed operativo, l’abilità di soluzione di problemi.

* T – GROUP:

Il T-Group è un’esperienza intensiva di carattere residenziale. La metodologia si basa sul presupposto che le persone possono operare con maggiore efficacia se hanno l’opportunità di comprendere personalmente i processi (formali e informali, impliciti ed espliciti) delle diverse situazioni relazionali in cui si trovano.